lunedì 4 novembre 2013

Piccole prove di coraggio

La giovane Bì era un'adolescente insicura e piena di paranoie. A 16 anni si riteneva un mostro. Solo perchè quel cesso brufolone fumettista (se n'era già parlato qui), di cui lei era follemente innamorata non la cagava di pezza non ricambiava le sue attenzioni, lei si era automaticamente convinta che non poteva piacere a nessuno.
L'estate era il momento più atteso dell'anno, la stagione del campeggio: una settimana in baita, con altri 30 coetanei e qualche decina di animatori (poco più che ventenni, allora sembravano dei vecchioni), immersa nel verde, dove i giorni volavano fra tornei di ping pong, partite di pallavolo acrobatica, gite in montagna, gavettonate, giochi notturni di paura e grandi partite a bandiera e guerra cinese.
Quell'estate dei suoi 16 anni, al campeggio c'era anche un animatore nuovo, venuto perchè amico degli altri 'storici'. Lo avevano subito soprannominato Raggio di sole, per i capelli ribelli e l'orecchino che ricordavano Jovanotti e la sua canzone dell'estate.
Raggio di sole era sempre molto gentile ed attento nei confronti di Bì. Ogni sera le mandava un bigliettino con un complimento, una frase carina, un sorriso. Pur dentro la sua corazza di adolescente convinta di non piacere al mondo, Bì aveva intuito che Raggio di sole la guardava con occhi diversi dagli altri. E aveva avuto paura. Paura di quello sguardo dolce, paura di quelle parole di incoraggiamento, paura di quell'uomo di 8 anni più grande di lei. Quando lui le aveva chiesto di parlarle da sola, lei era scappata. Dopo il campeggio aveva iniziato a evitarlo, finchè erano arrivati a non salutarsi praticamente più.
Dopo 13 anni e tanta vita in più, Bì non è più un'adolescente paurosa ma una giovane donna che vuole trovare il suo posto nel mondo. E sa che per farlo bisogna rimettere a posto i pezzi del puzzle del passato, anche quelli piccini.
Raggio di sole ha preso in gestione un bar di successo in centro città. Un posto carino e poco pretenzioso, piacevole. Chissà se si ricorda ancora della giovane Bì.
Bì decide di provare a chiederglielo. In estate va un paio di volte al suo locale per l'aperitivo, ma Raggio di sole non c'è, o è solo di passaggio e va via. L'altra sera però è lì, dietro al bancone che tiene cassa.
Al momento di pagare, Bì gli chiede 'Ma tu sei Raggio di sole, l'amico di...?'
Raggio di sole la guarda e annuisce, ancora prima che Bì finisca la frase. 'Sì, tu eri in campeggio quell'estate, mi ricordo. Avevi i capelli più lunghi. Ti ho vista qui nel mio bar anche quest'estate, eri seduta lì dietro...ma non sapevo se mi avresti riconosciuto'.
Bì arrosisce e sorride. Sono passati 13 anni, ma il tassellino è tornato al suo posto nel quadro della vita.




26 commenti:

  1. Bellissima, questa storia.
    Mi fa piacere che il tassello sia tornato al suo posto.
    E' sempre una bella sensazione, come di un cerchio che s'è compiuto.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, proprio un bel cerchio tondo tondo :-)

      Elimina
  2. Che bello!! Ogni tassello trova il proprio posto in questo puzzle che si chiama vita, anche quando trovarlo richiede tempo. Baci

    RispondiElimina
  3. E' vero, ci sono tasselli che si possono mettere a posto, ed altri che ahimè rimarranno per sempre fuori posto, discorsi rimasti in sospeso e che non verranno mai completati.

    Ma è sempre una bella soddisfazione incastrarne uno. Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimettiamo a posto quelli che riusciamo, piano piano...grazie! :-)

      Elimina
  4. Ma sai che un po' di romanticismo è proprio quello che mi ci voleva stamattina?
    Bellissima storia Bi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eddai, sono contenta se ho portato un 'raggio di sole' nella tua mattinata! :-)

      Elimina
  5. Bì tu mi fai venire un coccolone, lo sai che sono una romanticona, queste storie mi fanno fare quelle facce sceme per le quali vengo spesso derisa dalle mie amiche!
    Che meraviglia di post, stupendi ricordi e dolce realtà.
    Ho letto tutto con l'ansia di sapere cosa succedeva dopo ogni riga.

    Ti mando un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vero, che belle parole...anche a me quel saluto, atteso 13 anni, ha strappato un sorriso e una sensazione di dolcissima leggerezza :-)

      Elimina
  6. Bellissima storia, mi ha lasciata con un sorriso e un po' di ottimismo (ma senza esagerare, mi raccomando! :P)

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Traduttrice, che bello essere riuscita a trasmettere le mie stesse sensazioni! :-)

      Elimina
  7. Che bella storia! Quanto è piccolo il mondo, e quanto bene a volte possono farci queste piccole cose! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, piccole ma così importanti... :-)

      Elimina
  8. ecco dove era finito, quel maledetto pezzetto del puzzle! ti ho vista illuminarti, alla fine della storia... proprio bello! :)

    RispondiElimina
  9. ciao Bì,
    sono giuliabi dello stesso campeggio, della stessa baita, amica dell'amico di Raggio di sole e di Raggio di sole.
    Son capitata sul tuo blog l'estate scorsa e mi fa piacere leggerlo un pò, un pò alla volta. Ti faccio tanti complimenti perchè leggere il tuo blog è un pò come sentirsi a casa e ogni tanto mi lascia anche da pensare, ma nella giusta quantità, nella giusta mainiera.
    Avanti tutta quindi!
    Spero tu stia bene
    Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia, che piacere dopo tutti questi anni!! Oddio, che storie...ma l'avevi capito subito chi ero, o è stata tutta una casualità, capitare proprio sul mio blog?! Sicuramente ti sarà scappato un sorriso leggendo di certi personaggi, che avrai capito benissimo chi erano nonostante lo pseudonimo :P
      Grazie per il tuo commento (che un po'mi ha fatta arrossire lo ammetto), i ricordi di quelle estati in baita rimarranno sempre fra le cose più belle della mia adolescenza!
      A presto :-)

      Elimina
  10. e...e....e.... e dai! e dai! continua!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  11. Ma magari ora ci esci, no?
    no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, ma era solo per dimostrare a me stessa di avere il coraggio di affrontare uno scheletrino nell'armadio andando a salutarlo...però mi ha fatto piacere che, nonostante fossero passati 13 anni, si ricordasse ancora chi ero! :-)

      Elimina
  12. ehehehe :) mi sembrato per un attimo di vivere in un film :-) come procede????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non procederà più, al massimo al prossimo aperitivo gli chiedo se mi fa uno sconto! ;-)

      Elimina
  13. Risposte
    1. E ora niente, sono semplicemente contenta di aver affrontato una piccola questione in sospeso! :-)

      Elimina
  14. approvo la rubrica "i tassellini di bì che vanno apposto".
    per la cronaca, segnalo un'ottima versione 2013: http://www.youtube.com/watch?v=oLnrwGDijZc
    ciao :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...