lunedì 7 ottobre 2013

Un passato che non passa?!


Nei giorni scorsi mi sono ritrovata a rivangare con l'amica Nìa un (brutto) episodio di qualche anno fa. Visto che la memoria è labile, soprattutto per le cose negative, e io sono una masochista autolesionista per vocazione sempiterna, mi è venuto in mente 'Perchè non vado a rileggermi le email dell'epoca?!'. E siccome hotmail non perdona (quasi quanto una ceretta mal fatta senza abbronzatura sotto il sole d'agosto), rieccole lì, le testimonianze del passato che credevi morto e sepolto.
Mi sono ri-letta nelle parole delle email che spedivo alle mie amiche quando ero lontana: Roma, Varsavia, l'India, Bruxelles. Pezzi di una vita lontana, così lontana da non sembrare neppure la mia. Sempre in fuga, sempre alla ricerca di qualcosa. E quando credevo di averla trovata, mi ci aggrappavo con tutta me stessa, per poi vedermela sfuggire inevitabilmente fra le mani.

Cinque anni fa quando, con la mia amica Nìa, ci facevamo i film sul mio radioso futuro con il migliore amico del suo ragazzo. Che idiote, a sognare le coppiette perfette, i migliori amici che si mettono con le migliori amiche. Poi ovviamente è finta con un bel 2 di picche, e per consolarmi ho mollato tutto e preso il largo oltreoceano.

Ho ritrovato le mie mail sull'uomodimerda, il redeglistronzi, fottutobastardo, quello che mi ha rovinato la vita e che tutt'ora, se ci ripenso, ho una paura fottuta di stare di nuovo così male. Dall'innamoramento quando ero convinta fosse l'uomo perfetto all'estasi del sogno divenuto realtà, dalla prima delusione alla mia ricaduta recidiva e masochista, fino all'epilogo tragicomico. E lì non c'è stata fuga che tenesse, perchè mi ha perseguitata per mezzo mondo.

E infine i racconti delle mie 'notti brave' bruxellesi, di risvegli imbarazzanti e illusioni di benessere in volti sconosciuti, che dopo l'euforia del momento si risolvevano solo in un grande vuoto. Tutto lì, sullo schermo del pc, a ricordarmi sensazioni che credevo dimenticate e sepolte. Un passato che, forse, così passato non è, se ha ancora il potere di farmi sentire inadeguata e in bilico. Io che credevo che il puzzle si stesse ricomponendo. Io che credevo di riuscire, finalmente, a rimettere i tasselli a posto. Di aver trovato quel tassello che mancava e che avevo tanto cercato. Di aver trovato un mio posto, dopo dieci anni di zingarate. Di essere tornata a casa.

Sarà che sta venendo il freddo. Sarà la pioggia e io sono metereopatica. Sarà che c'ho l'ormone sotto i tacchi perchè mi sta finendo il ciclo e vaffanculo sono umorale. Ma oggi la vedo così.




P.S.: per chi lo frequenta regolarmente, forse si sarà accorto che c'è stato un 'taglia&cuci' strategico qui sul blog...diciamo, preventivo.
 


29 commenti:

  1. Chissà perché ma ti capisco.. E' successo anche a me di ritrovare pezzi di passato che mi hanno fatto mettere in discussione un presente che fino a quel momento ritenevo solido. Che dirti? Forza e coraggio, anche questo "momento" passerà! Ti abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo sia davvero solo un 'momento' dovuto al meteo avverso!

      Elimina
  2. Credo sia difficile, se non impossibile, cancellare il passato. Però si può trovare la chiave per "digerirlo" e metabolizzarlo affinché non faccia più così male. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo passato che si ripropone periodicamente proprio non riesco a farlo andare del tutto giù...ma già metterlo nero su bianco aiuta molto! Grazie Princi

      Elimina
  3. Il passato non è più reale del futuro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto una cosa verissima alla quale non avevo mai pensato...cavolo grazie!!

      Elimina
  4. Poi a un certo punto per me il passato è diventato storia d'altri ... Più o meno da quando non scrivo più il diario segreto e sono passata ai blog in cui cerco di catturare solo ricordi positivi ... Ed avendoci la memoria che c'ho, intasata damille cose, alla fine i ricordi così cosà scivolano via ... O forse è solo 'la vecchiaia'?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, il blog (a differenza del diario segreto) invita di più alla riflessione positiva, essendo condiviso...oh, io ci sto provando ad essere più ottimista, ma dev'essere davvero il tempo che cambia, perchè mi sono bastati 2 giorni di pioggia per ripiombare nella spirale delle menate!

      Elimina
  5. Sono d'accordo con Princi: non puoi cancellare il passato, ma sfruttarlo in positivo sì! Sei la persona che sei anche grazie (o a causa) di quel passato e gli ostacoli superati servono per affrontare il futuro con più consapevolezza della tua forza. La tua curiosità e la tua passione avranno la meglio sulla paura ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 'Sfruttare in positivo il passato' mi piace tantissimo!! :-)
      Curiosità e passione...bisognatrovare il modo di tenerli sempre vivi! Grazie Vale :-)

      Elimina
    2. ps: oggi c'è un piccolo regalo per te dalle mie parti... ;)

      Elimina
  6. Ti capisco anche io... perché ho vissuto le stesse cose, commesso gli stessi errori e provato -poi- lo stesso vuoto. Però non ho paura di star male di nuovo. Non devi averne nemmeno tu, perché non è giusto, anzi quel che è giusto è che tu possa essere felice, senza vuoti :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Moz, hai detto una cosa molto bella...non è giusto che gli errori (e i bastardi) del passato continuino a rovinarmi, qui bisogna essere felici! :-)

      Elimina
  7. In ogni caso avrai vissuto.
    Gli errori, le gioie, le delusioni, fanno parte della vita
    bisogna solo imparare ad accettarle, nelle migliori delle ipotesi a farne lezioni di vita
    e a non smettere mai di sognare :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' tutto un bagaglio, solo che a volte mi sembra sia troppo pesante o pieno di cose inutili che continuo a tirarmi dietro, invece di buttarle via per alleggerire la valigia e fare posto ad altre.

      Elimina
  8. Il passato non torna, al massimo ci rende migliori. Non temerlo, sfidalo.
    Riguardo al masochismo ti capisco... ah come ti capisco...

    Un bacio bellezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci rende migliori...sì, forse sì. Voglio sperare che sia così, e che invece non mi abbia reso solo più cinica e insicura. Le sfide vanno affrontate per vincerle, su questo non ci piove...ce la si deve fare!!
      Abbraccio Princess :-)

      Elimina
  9. Mettiamola così.. nel meraviglioso libro che è la tua vita, non è ancora il momento di sfogliare i capitoli precedenti ma, anzi, di scrivere con passione quelli futuri, in modo da rileggere il passato solo più avanti. Con la definitiva pace nel cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paolo, hai detto una cosa davvero bellissima...a me che scrivere è sempre piaciuto, daje che gliele riempio io ste prossime pagine, e con che storie!! ;-)

      Elimina
  10. Non puoi capire quanto mi rivedo spesso in te, anche io ho le stesse mail abbandonate in una casella postale di hotmail che ormai non apro piu' da tempo se non per prendere in giro la Vero del passato che si creava e distruggeva castelli da sola.
    Se tu fossi qui ti darei un pacca sulla spalla e ti farei un'espressione -costruita con le migliori intensioni- che tu vorresti quasi prendermi a schiaffi e ti direi "nun fa accussì". Mi piace il commento che ti ha lasciato Paolo. Tu sai cosa penso di te, anche se non ti conosco di persona, ti immagino una persona volitiva e powerfull perciò, fanculo a tutto quello che ti ha fatto del male, almeno adesso sai cosa non vuoi...una cosa alla volta. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vero, è bellissimo sapere di avere altre 'anime affini' in giro, anche se non ci conosciamo (ancora) di persona. Lo so che quando faccio così, la tiramenate a oltranza, sono una lagna, e che la paura del passato la uso ancora un po' come scusa per non azzannare quel futuro che aspetta lì davanti...ma già oggi che c'è il sole vedo tutto un po' più luminoso. ;-)
      Daje che gliela fò!!
      Un abbraccione e GRAZIE

      P.S.: non so se eri riuscita a leggerlo, ma nel precedente (momentaneamente sospeso) post, rispondevo entusiasta al tuo commento 'buoni propositi per l'anno nuovo: birretta con Bì' ;-)

      Elimina
  11. Passi un secondo da me? ho una cosa per te;) bacio

    RispondiElimina
  12. Il passato è passato, smettila di guardare indietro e guarda avanti. La vita è fatta anche di stronzi (ognuno ha avuto i suoi, ed altri ne avrà), dar loro importanza vuol dire gratificarli più del necessario. Come scrive Dante: non ragionar di lor ma guarda e passa! :-)

    RispondiElimina
  13. Il passato e' li' per dirci cosa non va nel presente. Li' ci sono le cause dell'oggi. Io l'ho rielaborato con la pratica buddista. Tanto la mente va dove vuole. Se c'e' qualcosa di irrisolto anche io penso sempre a quella. Ma con la meditazione cerco, ogni giorno, di far pace con me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dico da anni, ma mi ci dovrei proprio mettere con la meditazione...sono sicura che aiuti molto. E me lo riconfermi sempre anche tu Tina con i tuoi commenti e le cose che dici!

      Elimina
  14. Il passato è importante, non si cancella e non si scorda. Però è quello che forgia i nostri caratteri e le nostre personalità. Di conseguenza, l'unico modo per superarlo realmente, non sono come fattore temporale, è quello di accettarlo e sfruttarlo in positivo :D

    Dai Bì, sei tosta e gajarda! I trust in you! :D

    Un beso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dajeeeeee grazie Miss!!! Massì, momenti di alti e bassi...mo li sto rialzando! ;-)

      Elimina
  15. CANCELLA le email!!!Così non cadrai più in tentazione!:D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...