martedì 28 maggio 2013

Qualcosa è cambiato

Che poi in realtà me l'avevano sempre detto: le cose cambiano.
  
Ti svegli un mattino e ti rendi conto che, alla fin fine, stai bene come stai. 

E sei felice di rivedere i tuoi amici lontani e di fare serata con loro, cantando canzonacce trash a squarciagola in macchina andando a ballare, dove sai che non ti importunerà nessuno perchè sono tutti gay, ma potrai scatenarti tranquilla senza ritrovarti mani estranee sulle chiappe. E ti godi lo spettacolo delle drag queens che, lo ammetti, ti sono sempre piaciute. E poi, quella che ha vinto il concorso regionale aveva lo stesso vestito della Barbie che tanto volevi da piccola.

C'è che non vedi l'ora di passare 4 ore in una sala a ripetere brani di Shakespeare a memoria, per scoppiare a ridere come una deficiente perchè il tuo Otello vuole delle prove oculistiche della colpevolezza di Desdemona. Che poi tu hai sempre avuto una risata contagiosa, da strega dicono, e alla fine ti trovi che tutti attorno a te ridono solo perchè sentono ridere te. E pensi che i crampi dalle risate era tanto che non ti venivano, e fanno proprio bene.

C'è che ti rendi conto di poter interessare agli altri e ti fa piacere che ti cerchino, e quando vedi quel nome sul display del cellulare ti esce un sorriso, che in fondo in fondo lo sapevi che ti stava pensando.

C'è che dopo settimane trovi che qualcuno ha letto la tua email e pensa che il tuo curriculum valga la pena di un colloquio, e ti dici che forse non avevano tutti i torti quando ti dicevano basta cercare. Non ti fasci la testa e cerchi di rimanere coi piedi per terra, ma intanto pensi che è la scusa perfetta per andare qualche giorno a Roma. E già hai negli occhi l'azzurro del cielo sopra S. Pietro, senti sotto i piedi i ciottoli irregolari di Trastevere e in bocca il gusto rotondo di olio e sale della pizza bianca che si scioglie scrocchiando sotto i denti.

C'è che, per la prima volta dopo tanti mesi, ripensi a quello che avevi nella tua vita precedente e non ti viene un senso di angoscia per averlo lasciato. Anzi. Hai trovato delle cose belle da fare anche da questa parte. E delle persone che non hai visto sparire dopo una serata innaffiata di birra.

C'è che forse hai trovato una stabilità che non avresti mai immaginato, e se fosse di fermarti qui per un altro anno non sarebbe poi così male. Ricominci a fare progetti, a pensare a cosa fare.

C'è che forse doveva andare così, e tutto acquista un senso e i tasselli completano il puzzle.



33 commenti:

  1. Ottime notizie quindi :-):-)!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse, piano piano lentamente, la ruota gira! :-)

      Elimina
    2. :) facci sapere come procede!!

      Elimina
  2. Quando ti leggo, spesso mi capita di riconoscermi nelle tue parole. Perchè nelle nostre storie c'è qualcosa di comune. E la sensazione è bella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...è bello sapere di non essere gli unici! E' anche per questo che ho aperto il blog e sono contenta di averlo fatto, perchè ne ho scoperti altri di simili. :-)

      Elimina
  3. C'è che va così...torna sempre il sole!!!!!
    Magnate un pezzo di pizza bianca alla faccia mia che qui piove ed io sono a dieta ferrea! ;-)
    (Ah, come sempre: in bocca al lupo!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepiiii!!!!!! Pure io sono perennemente a dieta ferrea, ma appena metto piede a Roma la metto in stand-by, sarebbe troppo un delitto non approfittare di tutti quei sapori meravigliosi...sbav, che ho già l'acquolina!! :-)

      Elimina
  4. Bene Bi! Sono felice per te. :)
    L'unica cosa su cui non potrai contare è il cielo azzurro a Roma, che qua la primavera ha saltato il giro.

    Un mega in bocca al lupo per il colloquio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mega crepi Princess!! Comunque Roma ha altri 8 giorni di tempo per tirare fuori quel suo cielo meraviglioso, eccheccacchio con giugno mi auguro salti fuori almeno un po'di primavera!!! :-)

      Elimina
  5. Succede davvero, quando tutto sembra andare in direzione opposta rispetto a quella che noi avwevamo pensato fosse giusta - e che tanto avevamo desiderato e cercato - di scoprire sentieri che sembrano fatti apposta per noi, che erano lì, appena dietro l'angolo, appena dietro un giro di malinconia. E il rimpianto, di colpo, si trasforma in sollievo. Sono davvero felice per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valeria, hai colto perfettamente il senso! :-)

      Elimina
  6. a me queste parole piacciono. e basta, sono sintetica ma allungarmi vorrebbe dire piovere sul bagnato.
    ti abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando le cose si percepiscono, troppe parole stroppiano! Grazie

      Elimina
  7. Lo sapevo che prima o poi sarebbe successo. Bella Bì! Vai a Roma e stendili!
    Magari ci troviamo insieme a settembre?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeeehhhh io non dico mai nulla per scaramanzia.... :P

      Elimina
  8. Eccola la bella Bì che sorride, che si lascia prendere dai pensieri positivi e vive! Grande il colloquio! Grande il puzzle che si ricompone...ti voglio bene!

    RispondiElimina
  9. Sì, qualcosa è cambiato. Decisamente. :-)

    La sensazione del nome sul display del cell, è forse la più bella che possa capitare ehehehe :-)

    In ogni caso mi sorge una domanda... la festa dei day è quella della Troya Assassina? No perchè io ci sono stato... ehm ._.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dei gay, non dei day :-)

      Elimina
    2. Hahahahaha, bellissimo nome per un locale da drag queens!! :-)
      No, purtroppo no, era qui nella mia montuosissima regione...peccato, altrimenti ci saremmo conosciuti di sicuro perchè alla serata dove sono stata io eravamo 5 etero in tutto il locale, e ci siamo tutti sgamati al volo! :P

      Elimina
    3. In realtà non è il nome di un locale ma è il nome di una festa che nasce nella peccaminosa Ibiza e che ogni tanto arriva qui in Italia con delle serate a tema nei vari locali, per questo pensavo ci fossi stata :-)
      Gli etero li riconosci perchè tengono la schiena appoggiata al bancone hahahah :-D

      Elimina
    4. Hahahahaha, no non la conoscevo, ma grazie per la segnalazione, mi hai dato uno spunto per la prossima serata con i miei amichetti (come li chiamo io finemente, le mie principessine sul pisello)!

      Elimina
  10. Il passaggio su Roma mi ha particolarmente accarezzata, essendo la mia città adottiva.
    Ti saluto,ti auguro il meglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roma per me è la città del cuore...grazie! :-)

      Elimina
  11. E come dicono da queste parti: E DAJEEEEEEEEEE!
    Happy! Happy! Happy!

    RispondiElimina
  12. Era questo il post che aspettavo!
    Mi accodo alle parole di Cri!
    Un abbraccione forte forte e fiero

    RispondiElimina
  13. Che bello! In bocchissima al lupo! :)

    RispondiElimina
  14. dicono che ci sia chi sa spaccare il culo ai passeri...
    ecco...
    sei tu!

    RispondiElimina
  15. Chiudo gli occhi e mi par di vedere un cielo azzurro, di sentire i ciottoli sotto le suole e una bella canzone mi gira in testa. Ma, il gusto dell'olio ed il sale di quella che, pare essere una buonissima pizza bianca, no, non lo sento. Mannaggia! Ho capito che dopo il tuo post dovrò organizzare un viaggio nella capitale. :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...