lunedì 1 aprile 2013

Pesce d'aprile!



Uno dei migliori pesci d'aprile di sempre lo detiene la sottoscritta: a coronamento della mia brillante (hahaha) carriera universitaria, il 1 aprile di 5 anni fa, oggi come oggi, mi laureavo.
Quando la segreteria studenti mi aveva comunicato la data, avevo inevitabilmente pensato: eccola qui, la presa per il c**o finale e definitiva dell'università italiana, degna conclusione del mio fuffissimo cursus studiorum, farmi laureare nel giorno della burla per antonomasia.

Visto che (ma va?!) ero particolarmente scazzata riguardo all'intero evento, avevo fatto di tutto per smorzare l'entusiasmo di genitori, parenti e amici. Ovviamente remando contro, nel mio inconfondibile stile cagacazz rompiballe.
Col risultato di averci messo due mesi per mettere assieme l'outfit (comprando i pezzi in 4 negozi diversi di 2 città diverse, e spendendo sicuramente il doppio che se mi fossi decisa a prendere un unico, fottutissimo vestito), e di aver costretto mia madre e la sua amica a fare turni da fabbrica alla Oliver Twist per confezionarmi le bomboniere, alle quali mi ero opposta fermamente fino a 48h dall'evento, per poi dire che sì, forse dai, erano un'idea carina e sarebbe stato bello averle.

Le fatidiche bomboniere (notare il bigliettino a forma di pesce!)


Nonostante il mio atteggiamento altamente indisponente (che ancora mi chiedo come mai parenti e amici non mi avessero mandata a ca**re), era stata una giornata bellissima, con la famiglia (e annesso cugino adolescente, che non gli pareva vero di avere una scusa legittima per saltare un giorno di scuola) in trasferta a Milano e gli amici di 5 anni di vita universitari tutti (o quasi) lì, assieme, per me.

,

Dopo aver innaffiato il cortile della facoltà con lo spumante, gentilmente fornito da mio padre, e salutato la famiglia che tornava fra i monti, io e la mia collega Dott.ssa Elisa (che si laureava la mattino, io al pomeriggio) avevamo organizzato un aperitivo in un locale ai navigli, in perfetto stile milanese-alternativo (ossia rigorosamente non-fighetto, in conformità con i festeggiamenti pesantemente alcolici e altamente rumorosi delle neo-dottoresse).
Quello che ricordo dell'evento lo devo alla mia gumpis che, conoscendomi fin troppo bene, a inizio serata mi aveva sequestrato la macchina fotografica per fare lei foto e video. Testimoniando così le graduali evoluzioni delle mie pupille e del mio sguardo da pesce in conseguenza dell'imbarazzante mix di alcolici (dal Negroni sbagliato alla Guinness, dal Sex on the Beach al Margarita) che tutti continuavano a farmi trangugiare. Per non parlare di quando i miei amici Gaggioni, approfittando del mio stato euforico avanzato, mi avevano messa a ballare su due sedie dietro la vetrata del locale, con questo cartello attaccato davanti:


A mio orgoglio (o vergogna?!), posso affermare che quella sera sono riuscita a procurare al locale tre nuovi clienti.

A fine serata, ancora in pieno delirio euforico, ero tornata a casa talmente barcollante che avevo centrato tutti i paletti stradali, nonostante mi scortassero l'amica GiO in bicicletta e la povera Nìa, in trasferta apposta dalla PCBP e sconvolta dalle mie performances alcoliche in vetrina.
Mi ricordo ancora (o forse sono le foto che me lo ricordano?!) che, appena entrata a casa, mi ero accasciata sul divano letto in perfetto stile quattro di spade, sorridente e felice, la testa ancora fluttuante nei ricordi bellissimi di quei cinque anni da studentessa, appena finiti in un bicchiere di Margarita.


24 commenti:

  1. Certe giornate uniche vanno godute fino in fondo. Mi pare che tu abbia fatto un buon lavoro.
    Buona Pasqua, un pò in ritardo. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonostante il mio pessimo carattere, è andata proprio così! :-)
      Grazie per gli auguri, meno male che è passata!!

      Elimina
    2. pessimo carattere? ahahahahah! allora non conosci il mio.

      Elimina
  2. Io ero a Torino in giorno della mia...
    Stop, fine dei ricordi. :-)

    RispondiElimina
  3. Bellissimo! ahahah
    Io sogno la mia e mi sembra che non arriverà mai.. (ma magari l'anno prossimo potrei scrivere un post così sul blog!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no no, vedrai che arriva...e per quel giorno preparati che sarà memorabile!! :-)

      Elimina
  4. Anche io ho un gran bel ricordo della mia laurea.. ma avendo studiato in Veneto, credo di aver perso la dignita' pure un po' piu' di te XD Evviva la tradizione del papiro e del 'dottore, dottore...'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ricordo ancora con orrore le lauree a cui sono stata in Veneto: con tutto quello che si tirava addosso al malcapitato neodottore mentre leggeva il papiro, ci si sarebbe potuto sfamare (e sbronzare) tutto il Burkina Faso. Il papiro lo hanno fatto anche a me, al ritorno a casa, ma (per fortuna) senza inondarmi di schifezze!!

      Elimina
  5. hahahaha bellissimi i bigliettini a forma di pesce!!!
    Spero che tu abbia un video da postare con le tue performance alcoliche, insomma, ce lo devi! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I video sono strettamente personali, e meno male, che già ho difficoltà a trovare lavoro, se li vedesse qualche HR mi precluderei l'assunzione da qui ai prossimi 20 anni. Un mio amico infame ne ha caricato uno su You Tube, il 'discorso' prima del taglio della torta, ma per fortuna non si capisce niente (oltre a intuire che fossimo chiaramente sbronze!) :-D

      Elimina
  6. Tesoro...io sono altamente astemia ma tornai a casa molto caracollante nonostante la non sbornia di alcool! Ero sbronza di gioia, emozione, cibo, regali e LIBERAZIONE dalla vita universitaria e una tesi che mi aveva rotto parecchio le p***e! Ricordo molto bene il viaggetto in treno verso Prato (dove si svolse la discussione) fatto con circa 4 ore di anticipo rispetto alla discussione...per paura di ritardi! :D
    Bacione tesoro!

    Ps: 5€ mi pare un po' pochino come quotazione... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahahaha, sì in effetti la tariffa era un po'bassina, che vuoi, i miei amichetti Gaggioni hanno sempre avuto una gran considerazione delle mie doti femminili... :-P

      Elimina
  7. Ahauah sempre bello ricordare questi bei momenti :))) io ho intenzione di festeggiare almeno un'altra settimana. Un bascione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una settimana è il minimo!! Io alla serata alcolica ci ho attaccato ben 2 viaggi di laurea, vedi un po'... ;-)

      Elimina
    2. oddiooddio che bello :)

      Elimina
  8. haahahahah mi sa che il finale a 4 di spade è un pò comune a tutti.... che bei ricordi però!!!!! Buon anniversario allora!

    RispondiElimina
  9. In confronto noi studenti dell'accademia di belle arti eravamo dei puritani!!!

    RispondiElimina
  10. Ciao Bi, ri-commento in maniera selvaggia ma ho un'idea e dunque una proposta indecente da farti (non vedevo l'ora di dirlo ma non temere). Dimmi come posso fare per contattarti privatamente. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uuuuuuuhhhh, che beeeello, io adoro le proposte indecenti!!! :-D
      Scrivimi a quest'indirizzo barbiankh151@hotmail.com (poi ti risponderò da uno più normale!) :-)))))

      Elimina
  11. ahahahah...da come l'hai descritto bene, mi sembra quasi di esserci stata!
    Anch'io non avrei voluto festeggiare il mio sudatissimo pezzo di carta nell'università che non consiglierei neanche al mio peggior nemico, chiamando il telefono azzurro al primo sussurrare di un genitore che progetta di mandarci il figli... ma solo quel giorno mi sono resa conto che se avessi portato a termine la cazzata pensata e progettata per anni di presentarmi davanti a quella togata commissione in compagnia solo di me stessa, senza parenti e senza amici, praticamente non mi sarei mai, veramente, laureata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hehe...la mia laurea è stato un gran giorno solo perchè avevo vicino quelle persone speciali che sono la mia famiglia e i miei amici, che mi hanno sopportata fino all'ultimo (e soprattutto sUpportata nei miei deliri alcolici)!

      Elimina
  12. Io mi sono laureata a San Valentino. Ho finalmente qualcosa da festeggiare ogni 14 febbraio... ma anche no.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...